Il progetto “Naours, Soldati Viaggiatori”. Un progetto di archeologia pubblica

Durante un sopralluogo archeologico nella Città Sotterranea di Naours fu scoperta un’inaspettata concentrazione di graffiti e iscrizioni. Una prima indagine stabilì che molti segni trovati sulle pareti della galleria risalivano alla Prima Guerra Mondiale e furono fatti da soldati che visitavano in licenza il sito, solo a pochi kilometri di distanza dalle prime linee del fronte.

Il progetto interdisciplinare “Soldati Viaggiatori” fu cominciato dal consorzio di Comuni Bocage-Hallue, una scuola secondaria, il collegio di Coudriers di Villers-Bocage, e l’Inrap, l’Istituto nazionale per le ricerche di archeologia preventiva, per coinvolgere ragazzi in età scolastica del luogo, nella ricerca e scoperta delle vite di questi soldati.

L’archeologia è un metodo e non ha confini cronologici.

Cosa ne pensi?

Mandaci un tweet usando #archaeoandme e lo proietteremo in mostra a Roma!

Guarda il video: